sabato 22 agosto 2009

Si fa per dire?

Sul venerdì di Repubblica del 21 agosto 2009, leggo un ennesimo stravolgimento della realtà, perpetrato con accanimento, incessantemente, consapevolmente. Per spiegare a cosa io mi riferisca, chiedo scusa a Piero Ottone se prendo a prestito il suo incipit dall’articolo nella medesima pubblicazione, ma su tutt’altro argomento:

Direte che mi ripeto, e avete ragione. Ma si ripetono anche gli eventi dei quali scrivo, e che vorrei che non si ripetessero.

Ebbene, nella sezione Esteri tale Alessandro Carlini racconta il restyling dell’Aeroflot. Hostess avvenenti, gonne accorciate e rinnovo, “si fa per dire” (parole sue) della flotta.

Sulle tratte europee internazionali non si ricorda aereo dell’Aeroflot che sia mai caduto, cosa che non si può dire dell’Alitalia (ricordate l’aereo caduto sulle Alpi al confine con la Svizzera?), ma è un vecchio discorso: se cade un aereo di Air France, cade un aereo della Air France, non della McDonnell Douglas statunitense. Se invece cade un Tupolev degli anni ’70 in Africa, mai revisionato da, che so io, Air Uganda, allora è caduto un aereo russo.

Come che sia, l’Aeroflot dispone di 104 aerei (l’Alitalia di 155, compresi i 57 di Air One, in un Paese grande un cinquantaseiesimo della Russia, a proposito di sprechi), di cui 11 Boeing 767 (l’Alitalia 6), 26 Tupolev 154, 6 Il'jušin 96, 15 A319 (l’Alitalia 12), 31 A320 (l’Alitalia 44), 10 A321 (l’Alitalia 23) e 3 A330 (l’Alitalia 2). Inoltre, l’Alitalia annovera 1 Avro RJ70, che non si producono dal 2003 (ne sono caduti 13), 6 Embraer 170 (72 posti, 850 km/h, analogo del Bombardier e del Super Jet Suchoj-Alenia, vedi sotto), 10 Bombardier CRJ900 (90 posti, 850 km/h), 18 Boeing 737 (ne sono caduti 147, infatti il Business Week lo ha dichiarato l’aereo più pericoloso del mondo) e 10 Boeing 777, 11 MD 80 e 12 MD 82, che non si producono dal 1999, essendone caduti 25 (e qui, al posto degli italiani, mi toccherei nelle parti basse: il Boeing 737 è il suo degno erede). Nel 2009 l’Aeroflot riceverà complessivamente 18 A320 e 6 A330. Dal 2016 (probabilmente il pennivendolo di Repubblica si riferiva a questo), l’Aeroflot riceverà 22 A350 e 22 Boeing 787. A breve dovrebbero arrivare anche 30 SSJ-100, alla cui costruzione ha partecipato anche la Finmeccanica e la Alenia, che evidentemente il pennivendolo ritiene dei fessi. Tanto fessi che è stata confermata documentalmente l’intenzione di acquistarne ulteriori 20.

ModelloAeroflotAlitaliaInizioFine
Avro RJ1700119782003
Embraer 170062002-
Bombardier CRJ9000101991-
Tupolev 15426019682007
Il'jušin 96601993-
MD 8002319801999
Boeing 7370181968-
Boeing 7671161982-
Boeing 7770101995-
Airbus A32056791987-
Airbus A330321992-

Sulla medesima pagina, a conferma (di cosa?), ci informano – questa è grossa, infatti non è firmato – che il 24 agosto è la festa dell’indipendenza dell’Ucraina e della Moldavia dalla… Russia. Stiamo parlando del 1991, appena 18 anni fa, e invece confidano già nella memoria corta degli italiani. Fu quello scellerato di El’cin, fin dalla fine del 1990, a spingere per la secessione della Russia dall’Unione Sovietica, creando non poco imbarazzo alle rimanenti 14 repubbliche, che rischiavano di diventare tante piccole enclave. Nell’agosto 1991 ci fu il tentativo di colpo di Stato, a seguito del quale il 26 dicembre l’URSS cessò di esistere. Il 1° dicembre, 25 giorni prima (non il 24 agosto, quando lo decise il Parlamento), in Ucraina si svolse un referendum per la secessione, cosa peraltro prevista dalla Costituzione sovietica (articolo 72). In quel periodo, seguirono l’esempio della Russia un po’ tutte.

Repetita juvant: secessione dall’URSS, non dalla Federazione Russa, che era solo una delle quindici, anche se la più grande. Il giorno che Bossi attuasse i suoi piani criminali, andrebbe via dall’Italia, non dal Lazio, con buona pace di “Roma ladrona”.

5 commenti:

  1. Ad onor di cronaca bisognerebbe anche considerare che di aerei come il 737 ne volano parecchi.
    Per i vecchi tupolev stranamente nessuno si è mai accorto del miracolo che fanno a volare ancora alcuni vecchi apparecchi dismessi dell'aeroflot senza nessuna manutenzione in moltissimi paesi del terzo mondo....se stanno ancora su questi "savoia-marchetti" di fantoziana memoria ai progettisti andrebbe dedicato un monumento....invece per certi giornalisti la guerra fredda non è mai finita.

    RispondiElimina
  2. Claudio, è proprio questo il nocciolo: i Tupolev e gli Il'jušin che volano in Africa non sono affatto dei velivoli dismessi dall'Aeroflot, esattamente come i 737 non sono dismessi dalla Pan Am. E spesso non sono manco alla Fantozzi: i 737 contengono da 85 a 215 passeggeri, i TU-154 da 152 a 180, e non ce ne sono in Africa, gli IL-96 sono dei bestioni da 300 a 436 passeggeri, tant'è che è anche l'aereo presidenziale di Stato.

    RispondiElimina
  3. A tal proposito, ecco a voi la Wind Jet! Incidenti nella tratta Italia-Russia: 17/09/2005, 11/08/2008, 07/11/2009...

    RispondiElimina
  4. A tal proposito, ecco a voi la Wind Jet! Incidenti nella tratta Italia-Russia: 17/09/2005, 11/08/2008, 07/11/2009...

    RispondiElimina
  5. Ad onor di cronaca bisognerebbe anche considerare che di aerei come il 737 ne volano parecchi.
    Per i vecchi tupolev stranamente nessuno si è mai accorto del miracolo che fanno a volare ancora alcuni vecchi apparecchi dismessi dell'aeroflot senza nessuna manutenzione in moltissimi paesi del terzo mondo....se stanno ancora su questi "savoia-marchetti" di fantoziana memoria ai progettisti andrebbe dedicato un monumento....invece per certi giornalisti la guerra fredda non è mai finita.

    RispondiElimina